Contatti rapidi

Chiesa di San Paolo

0744 277141

 

Marilina Piscolla

Responsabile Gruppo

Regina della Pace

mpiscolla@medjugorje.it

 

Fabrizio Grandoni

Responsabile eventi

gruppo musicale

Kralica Mira

fgrandoni@medjugorjeterni.it

 

Maicol Baiocco

Responsabile gruppo

giovani Kralica Mira

mbaiocco@medjugorjeterni.it

 

M° Vittorio Gabassi

Direttore artistico

Kralica Mira

Autore e compositore

vgabassi@medjugorjeterni.it

 

Alberto Virgolino

Pres. MPV-CAV Terni

Centro Aiuto alla Vita

avirgolino@medjugorjeterni.it

 

Elena Caprioli

Segreteria MPV-CAV

ecaprioli@medjugorjeterni.it

 

Informazioni sito
info@agesupermaria.it

 

C.A.V.
mpvcavterni@libero.it

Adesso Signore, sto per chiudere le mie palpebre,> perché i miei occhi questa sera hanno finito il loro lavoro,> e il mio sguardo sta per rientrare nella mia anima> dopo aver girato una giornata nel giardino degli uomini.> Grazie, Signore, per i miei occhi, finestre aperte sullo spazio.> Grazie per lo sguardo che trasporta la mia anima> come il raggio generoso conduce la luce e il calore del tuo sole.> Io ti prego nella notte, affinché domani, Signore,> quando aprirò i miei occhi al chiarore del mattino,> essi siano pronti a servire la mia anima e il suo Dio.> Fa' che i miei occhi siano chiari, Signore,> e che il mio sguardo limpido dia fame di purezza.> Fa' che non sia sguardo deluso, disilluso, disperato.> Ma che sappia ammirare, estasiarsi, contemplare.> Concedi ai miei occhi di sapersi chiudere per ritrovarti meglio,> ma senza che si distolgano mai dal mondo perché essi ne hanno paura.> Concedi al mio sguardo di essere profondo> per riconoscere nel mondo la tua presenza.> E fa' che mai i miei occhi si chiudano sulla miseria degli uomini.> Che il mio sguardo, Signore, sia pulito e saldo,> ma sappia intenerirsi e che i miei occhi siano capaci di piangere.> Fa' che il mio sguardo non sporchi colui che tocca.> Che non disturbi ma plachi.> Che non rattristi ma comunichi Gioia.> Che non seduca per tener prigioniero,> ma sia invitante e aiuti a superare se stessi.> Fa' che disturbi il peccatore affinché vi riconosca la tua luce,> ma che sia solo un rimprovero per incoraggiare.> Fa' che il mio sguardo sconvolga, perché è un incontro, l'incontro con Dio.> Che sia l'appello, lo squillo di tromba> che mobilita tutto il mondo sulla soglia di casa,> non a causa mia, Signore, ma perché Tu stai per passare.> Affinché il mio sguardo sia tutto questo, Signore,> una volta di più, questa sera, io ti offro la mia anima.> Ti offro il mio corpo.> Ti offro i miei occhi così che guardando gli uomini, miei fratelli,> sia tu a guardarli,> e che attraverso me Tu faccia loro un richiamo.


(Michel Quoist)